COVID-19 E SINTOMI DIGESTIVI

In questi drammatici momenti che stiamo vivendo come persone che per motivi diversi si trovano a fronteggiare l’emergenza coronavirus, come specialisti gastroenterologi siamo spesso interrogati dai nostri pazienti sull’impatto del virus a livello gastroenterico e sulla potenziale presenza  di una sintomatologia esclusivamente digestiva che possa correlarsi ad una infezione da COVID-19.

I dati che affluiscono sui siti di interesse medico sono ancora non del tutto delineati ed è impossibile stabilire una sequenza precisa di segni e sintomi che rappresentino un vero campanello di allarme per una localizzazione gastroenterica del virus  tuttavia alcuni studi clinici importanti sono stati condotti in tre ospedali della provincia cinese di Hubei e pubblicati di recente nella rivista The American Journal of Gastroenterology (Clinical Characteristics of COVID-19 Patients With Digestive Symptoms in Hubei, China / 28 marzo 2020)

In un periodo di circa 40 giorni che va dal 18 gennaio al 28 febbraio sono stati arruolati nello studio multicentrico pazienti positivi al COVID-19 analizzati per le loro caratteristiche cliniche, ematochimiche e terapeutiche.  Il follow up è continuato fino al 5 marzo.

Su un totale di 204 pazienti ,107 uomini e 97 donne di età media 54.9 anni, 99 (48.5%) si sono presentati in ospedale con sintomi digestivi come disturbo principale.

Le manifestazioni cliniche comprendevano:

 

  • anoressia (83.8%)
  • diarrea(29.3%)
  • vomito(0.8%)
  • dolore addominale (0.4%). 

 

In 7 casi i sintomi digestivi erano i soli ad essere presenti in assenza di sintomi respiratori. Al peggiorare della malattia i sintomi digestivi divenivano molto più severi. Vi è da notare che i dati di laboratorio non hanno rilevato in tutti questi casi elementi significativi di danno epatico

La prognosi di pazienti con sintomi digestivi si è confermata peggiore  e soprattutto correlata al maggior tempo impiegato per arrivare alla diagnosi di infezione da COVID-19.

Le conclusioni che vengono tratte sono che i sintomi digestivi, soprattutto la diarrea, possono rappresentare un segno di infezione da COVID-19  e pertanto debbono costituire un campanello di allarme prima che emergano sintomi respiratori.

Dr Vincenzo Anello

Dr Vincenzo Anello

Gastroenterologo

Dirigente medico asl Roma 1